Lavoratori GLS in lotta: sosteniamoli!

glsscioperiNegli ultimi mesi i lavoratori della GLS di molti centri di smistamento presenti sul territorio nazionale hanno promosso scioperi che non si sono limitati a un puro fine rivendicativo ma hanno registrato un avanzamento nella coscienza di classe e nella lotta essendosi posti come obbiettivo la solidarieta' tra lavoratori dei diversi centri per resistere uniti contro i licenziamenti e i trasferimenti. Questi provvedimenti discriminatori hanno colpito i lavoratori più combattivi, in particolare quelli aderenti al Si.Cobas, sindacato che da anni ha un ruolo da protagonista nella lotta nel settore della logistica. Il partito della Rifondazione Comunista - Potere al Popolo di Rho esprime solidarietà e sostegno alla lotta di tutti i lavoratori della Gls e condanna quanto successo il 20/03/2018 al magazzino di Rho, dove e' stato forzato il picchetto dei lavoratori in sciopero da parte di un furgone provocando il ferimento di due scioperanti.
Quanto successo e' riconducibile al clima oppressivo che si registra in molte aziende che mal sopportano la resistenza e la lotta dei loro lavoratori per veder riconosciuto un salario dignitoso, la liberta' di aderire al sindacato e il rispetto del CCNL. A tal proposito, non possiamo che opporci all'accordo sulla contrattazione recentemente firmato dai sindacati confederali e da Confindustria in quanto la logica concertativa che lo guida ha come scopo proprio quello di impedire che si diffondano le lotte, limitare la liberta' di associazione sindacale, aggirare le tutele previste dai CCNL tramite lo strumento della deroga e il rilancio della contrattazione di secondo livello. Non solo, si insiste con lo strumento del welfare aziendale come forma per tutelare il salario pur essendo ormai chiaro che sia una operazione funzionale allo smantellamento del welfare pubblico.
Crediamo che sia venuto il momento di rimettere al centro il conflitto tra capitale e lavoro come unico modo che i lavoratori hanno per tutelare lavoro, salario e diritti.

Facebook
GoogleShare